domenica, 28 Febbraio, 2021

Danno da morte, quando va risarcito?

I più letti

Morti da infarto e malasanità. Gli errori e i ritardi nei soccorsi

Di Serena Di Sisto Morti da infarto e casi di malasanità: quando il ritardo dei soccorsi o la diagnosi errata possono rivelarsi fatali per...

I danni da trauma toracico negli incidente stradali.

I traumi del tratto toracico possono compromettere organi vitali con emorragie interne e, se non prontamente trattati, causare la morte. Il Comitato scientifico di Adism,...

Infezione ospedaliera, quando scatta il risarcimento del danno

Di Serena Di Sisto Infezione ospedaliera, quando scatta il risarcimento del danno? Infezioni ospedaliere: un vero e proprio boom di casi, certi o sospetti, che si...

Errato intervento chirurgico, chi paga?

Bisogna distinguere gli interventi  di routine da quelli  più  complessi.  Sia la struttura sanitaria che il medico  sono  responsabili. Quando il  medico  causa un danno ...

Il Presidente nazionale di Adism, Avvocato Gianluca Sposato, con  esperienza  in risarcimento di danni gravi e da morte, spiega  cosa devono  fare gli  eredi per tutelare i propri  diritti ai  fini dell’indennizzo.

 

Il risarcimento per la morte di un familiare è sempre dovuto?

Se  il  decesso  del  familiare è imputabile a condotta di  terzi  si.

La morte di un  familiare,  quando  avviene per colpa altrui, a livello  giuridico  ha conseguenze  sia in  ambito  penale che in  ambito  civile.

Tralasciando  gli  aspetti  di  carattere penale,  di  cui  è lo  Stato nella persona del  Pubblico Ministero  a farsi portatore, il  risarcimento  del danno trova tutela  in sede  civile nell’art.  2043, per cui  chiunque cagiona ad altri un  danno è tenuto  a risarcirlo, che determina il diritto  al  risarcimento  del  danno anche agli  eredi per il danno  conseguente alla morte del loro  familiare.

Tale aspetto, nell’immediatezza del  dolore e vuoto  che si  viene a creare, non sempre  viene preso in considerazione ed affrontato con  sufficiente lucidità per la mancanza di  affetto  e sostegno venutasi  a creare.

Rivolgersi ad Adism ed esporre dettagliatamente il  proprio caso  rappresenta la scelta migliore per salvaguardare i propri diritti, ricevere l’assistenza ed il sostegno psicologico necessari,  ma soprattutto il supporto legale dei migliori avvocati  e medici  legali del  settore per esperienza e professionalità che, grazie alla convenzione Adism,  operano senza anticipo  di  spese,  garantendo la gratuità  dei  servizi offerti nella fase iniziale e fino  a conseguimento  del  risultato.

 

In quali casi la morte di un familiare da diritto al risarcimento  del danno?

I casi  che Adism  ha esaminato  sono molteplici,  noi  siamo specializzati nel risarcimento  del  danno nella sua componente globale,   in particolare il danno  da morte,  il danno per la perdita di un  familiare, sia in incidenti  stradali, che purtroppo rappresentano  la prima causa di  mortalità  tra i più giovani, sia per morti in sala operatoria e decesso ospedaliero,  decesso per  ritardo  nella diagnosi, errato intervento  medico, mancata erogazione di  cure mediche, danni  da esalazioni velenose e tossiche,  come per l’Ilva a Taranto.

Il nostro  compito è  di  assistere gli  eredi  della vittima morta per colpa altrui ai  fini  di  tutelare i loro  diritti  e conseguire il  risarcimento  di  tutti i danni  subìti, tenuto  conto  che nel  nostro ordinamento  giuridico il  risarcimento  del  danno ha una funzione riparatoria e non  satisfattiva e che non  esiste alcun  risarcimento  che possa riparare al  dolore per la perdita di un familiare.

 

In che misura il danno da morte di un familiare deve essere risarcito ?

Innanzi  tutto bisogna distinguere il danno non patrimoniale dal  danno patrimoniale.

Se con il  primo  si intende il danno  connesso  alla perdita della vita e, dunque, la mancanza ed il  vuoto  venutisi  a creare per il fatto illecito  altrui; il  danno patrimoniale è  riferito  alla perdita della forza lavoro  e,  dunque,  dell’apporto  economico nel  nucleo  familiare a causa della morte del proprio caro.

La misura del danno dipende da varie componenti  a cominciare dall’età  della vittima e degli  aventi  diritto,  dal  grado  di  parentela e dalla convivenza, o  meno, per quanto  attiene al  danno  strettamente non patrimoniale.

Per quanto  riguarda, invece,  il danno patrimoniale occorrerà fare riferimento,  più che all’attività  lavorativa, alla capacità  reddituale della persona rimasta uccisa.

 

Chi  paga i danni per la morte di  familiare?

Se esiste una copertura assicurativa sono le compagnie di  assicurazione, per questo è richiesta una competenza specifica dell’avvocato, oltre che in diritto  civile e responsabilità  civile, specificamente in materia assicurativa.

Il responsabile in  solido  una volta accertata la sua responsabilità è  tenuto  al pagamento  dei  danni liquidati  dal  giudice, o determinati  a seguito  dell’accordo raggiunto a seguito di  trattativa.

Negli incidenti  stradali  essendovi  l’obbligo  di  assicurazione con un massimale fino  a 7.500.000,00 di euro l’assicurazione manleva e tiene indenne l’investitore responsabile della morte del familiare ucciso; per i  veicoli  non  assicurati o i pirati  della strada esiste un  Fondo Vittime Garanzia della Strada e si  applica una particolare procedura.

Nei casi  di  responsabilità medica, o malasanità,  sono  responsabili in  solido  la struttura ospedaliera, clinica o casa di  cura,  con il  chirurgo  o  il  medico  responsabile del  decesso ospedaliero, tenuto conto che anche in questi  casi  subentrano le coperture assicurative, per quanto le assicurazioni tendano  nella maggior parte dei  casi  a tutelare i propri interessi e non volere pagare.

 

Per ricevere assistenza gratuita chiamare 347.8743614 o inviare mail info@adism.it

 

Scopri di più

- Advertisement -

Gli ultimi articoli

Morti da infarto e malasanità. Gli errori e i ritardi nei soccorsi

Di Serena Di Sisto Morti da infarto e casi di malasanità: quando il ritardo dei soccorsi o la diagnosi errata possono rivelarsi fatali per...

I danni da trauma toracico negli incidente stradali.

I traumi del tratto toracico possono compromettere organi vitali con emorragie interne e, se non prontamente trattati, causare la morte. Il Comitato scientifico di Adism,...

Infezione ospedaliera, quando scatta il risarcimento del danno

Di Serena Di Sisto Infezione ospedaliera, quando scatta il risarcimento del danno? Infezioni ospedaliere: un vero e proprio boom di casi, certi o sospetti, che si...

Errato intervento chirurgico, chi paga?

Bisogna distinguere gli interventi  di routine da quelli  più  complessi.  Sia la struttura sanitaria che il medico  sono  responsabili. Quando il  medico  causa un danno ...

Danno da morte, quando va risarcito?

Il Presidente nazionale di Adism, Avvocato Gianluca Sposato, con  esperienza  in risarcimento di danni gravi e da morte, spiega  cosa devono  fare gli  eredi...
- Advertisement -

Dicono di noi

Risarcito con 395 mila euro senza fare causa

Rubino da Roma risarcito  con  395.000,00 euro. Ringrazio l’Associazione Difesa Infortunati Stradali ed il suo Presidente, avvocato a Roma esperto in incidenti stradali  e consulenza...

Risarcimento ottenuto per un incidente mortale

RISARCIMENTO OTTENUTO PER UN INCIDENTE MORTALE. Caterina da Roma, risarcita con 1.300.000,00 euro "L'accurata valutazione del caso, studiato a fondo dai legali di Adism, ha permesso di...

Grazie all’ADISM ho ottenuto giustizia

GRAZIE ALL'ADISM HO OTTENUTO GIUSTIZIA. Errico da Viterbo, vittima di un incidente stradale risarcito con 143.000,00 euro grazie a un accordo raggiunto  con la compagnia...

Causa vinta grazie all’ADISM

CAUSA VINTA GRAZIE ALL’ADISM. Carlo da Roma, risarcito con 341.000,00 euro in un incidente stradale alla guida della sua moto  con un’autovettura  contromano “Affidarsi  all’Adism  è ...

L’ADISM ha risolto un caso difficile

L’ADISM HA RISOLTO UN CASO DIFFICILE. Gabriele  da Rimini, risarcito  con  76.000,00 euro in un  incidente con veicolo  datosi  alla fuga “Ringrazio l’Adism per avermi dato  supporto ...