mercoledì, Ottobre 27, 2021

Morti da infarto e malasanità. Gli errori e i ritardi nei soccorsi

I più letti

Dott.ssa Serena Di Sisto
Giornalista pubblicista e assistente sociale specialista albo A. Impegnata nell'informazione a 360 gradi e conduttrice televisiva, si occupa anche di articoli sul tema della difesa contro gli infortuni stradali e danni derivanti da episodi di malasanità.

Di Serena Di Sisto

Morti da infarto e casi di malasanità: quando il ritardo dei soccorsi o la diagnosi errata possono rivelarsi fatali per una persona?

In campo sanitario, come nella legge, non sono ammessi errori, nemmeno in casi di infarto, pertanto, chi sbaglia è tenuto a risarcire per i gravi danni arrecati al paziente e o ai familiari.

E’ il caso delle morti per malasanità e ritardi nei soccorsi, soprattutto a causa di sopraggiunti problemi cardiovascolari non diagnosticati in tempo o non presi nell’immediato. Bastano anche 10 minuti di ritardo, perché il malore sia fatale. La bravura del sanitario e la tempestività, sono imprescindibili.

La legge, quindi, riconosce il diritto ad essere risarciti a seguito di gravi errori in campo medico, che hanno causato la morte, o che non hanno evitato, in qualche modo, che avvenisse.

Tra i danni a causa dei ritardi commessi dai sanitari, in Italia, si registrano frequenti morti da infarto, decessi che, in alcuni casi, potevano essere evitati grazie alla prontezza dello specialista o alla velocità delle cure. Prevenire è fondamentale e una diagnosi imprecisa o un soccorso avvenuto anche con pochi minuti di ritardo, potrebbero portare a conseguenze disastrose e irreparabili.

Il diritto alla salute:

La Costituzione Italiana, garantisce all’articolo 32, la piena tutela della salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti. Questo diritto, vale anche quando la persona richiede cure o soccorsi immediati. Il mancato aiutato rapido, o la prognosi errata, sono punibili e colui che ha ricevuto il danno, ha diritto a richiedere l’indennizzo.

I dati in Italia e le morti a causa di problemi cardiovascolari:

Da non dimenticare, che le malattie cardiovascolari, sono diventate in Italia, la principale causa di decesso, soprattutto in età anziana. Secondo i dati statistici, ogni anno, morirebbero poco più di 230 mila persone, solo a causa di attacchi di infarto, ischemie, malattie del cuore e cerebrovascolari.

L’infarto, però, non è detto che colpisca solo i soggetti in età fragile; E’ difatti stato notato come, negli ultimi periodi, siano state anche le persone di mezza età, tra i 50 e i 60 anni- e per una piccola percentuale giovani – a morire a causa di complicazioni cardiovascolari. Tali patologie, si presentano per lo più nella popolazione maschile, mentre per le donne, il problema tenderebbe a presentarsi con almeno 10 anni di ritardo.

Per infarto, o sindrome di Kesperek, si intende la necrosi di un tessuto per ischemia, cioè,  per grave deficit di flusso sanguigno.

I sintomi che possono presentarsi in un soggetto però non sono gli stessi, bensì variano a seconda dell’organo interessato e della salute complessiva degli organi.

Le forme cliniche cardiovascolari più frequenti che si presentano in un individuo sono:

  • L’infarto cerebrale, che responsabile dell’80% dei casi di icstus;
  • L’infarto del miocardio acuto
  • L’infarto intestinale
  • L’embolia polmonare

Nel corso dell’ultimo anno, a causa dell’emergenza pandemica a causa del diffondersi del coronavirus, si sono registrati il doppio dei decessi a causa di infarti.

Questo dato indica, non solo uno scarso controllo, a causa delle emergenze all’intero delle strutture ospedaliere, sia pubbliche che private, ma anche una scarsa attenzione nei riguardi di pazienti, al momento, non affetti da covid-19.

A causa di tali dati, nel prossimo anno, potrebbero aumentare ancora i problemi a causa di scarse cure o di situazioni non prese in tempo.

La pressione all’interno dei reparti e tra i medici di base, non è una buona scusa per non curare o per non ritenersi responsabili di possibili morti. Il sistema sanitario è tenuto, anche in situazioni emergenziali come queste, a tutelare la salute del cittadino.

Ma cosa fare in caso di malasanità e chi rivolgersi?

Quando si è verificato un evidente caso di malasanità, il soggetto portatore del danno o i suoi familiari, devono rivolgersi ad un avvocato specializzato in responsabilità medica che illustrerà quelli che sono i suoi diritti, studierà i documenti e le pratiche per definire e dimostrare in tutte le sedi l’errore del  medico al  fine di tutelare i diritti  della persona danneggiata ed i danni subiti.

La figura dell’avvocato esperto in malasanità è fondamentale per raccogliere e studiare la documentazione per avere il risarcimento del danno subito a cui possono rivolgersi gli stessi portatori degli interessi del danneggiato, o i prossimi congiunti.

Descrivici il tuo caso, ADISM è a tua completa disposizione!

    Scopri di più

    - Advertisement -spot_img

    Gli ultimi articoli

    - Advertisement -spot_img

    Dicono di noi