venerdì, 23 Aprile, 2021

La metamorfosi del rapporto tra medico e paziente

I più letti

Il risarcimento del danno nell’omicidio stradale

I parenti che hanno diritto ad ottenere il risarcimento del danno per la morte di un familiare che sia stata provocata in un incidente...

Messaggero 14 aprile 2021 parla il Presidente di Adism

Coprifuoco  e città  chiuse: giù gli incidenti  stradali. L'Avvocato Gianluca Sposato, Presidente di Adism, tra i massimi esperti nazionali in infortunistica stradale e risarcimento del...

Da chi farsi assistere quando si ha un incidente stradale?

Da chi farsi assistere quando si ha un incidente stradale? La scelta dell’avvocato è determinante per il danneggiato. Rivolgersi  ad Adism è  sempre la scelta...

Il mancato utilizzo della cintura di sicurezza.

Incidente stradale e mancato utilizzo della cintura sicurezza. E’ stato accertato che nel 50% dei casi  la cintura di sicurezza salva la vita. Le conseguenze...

Responsabilità medica e malasanità. Occorre tutelare la classe medica da accuse infondate di malpractice.

Adism combatte l’esercizio abusivo  della professione medica e tutela la classe medica da accuse infondate di malpractice con l’ausilio dei propri  avvocati  esperti  in  responsabilità  medica

Dott. Alberto  Maggialetti 

Il progresso della medicina è stato tortuoso, ricco di imprevisti, casualità e colpi di genio. La spiegazione dei fenomeni naturali si è trasformata da interpretazioni mitico-teurgiche a descrizioni razionali.

Il paziente vedeva nel suo medico non solo il professionista cui rivolgersi per le sofferenze fisiche ma anche il consigliere idoneo a curare le sofferenze morali.

Il medico era una specie di sacerdote laico. Questo atteggiamento compensava l’efficienza terapeutica.

I medici non esponevano sull’uscio del proprio ambulatorio l’orario di lavoro come avviene oggi, le chiamate notturne erano norma e non eccezione e normali erano le visite domiciliari per pazienti gravi anche nei giorni festivi.

Il “tempo” della visita medica comprendeva la parte prettamente professionale che si integrava e completava con un lungo colloquio con il paziente ed i suoi familiari sulle problematiche più diverse.

Il tempo dedicato alla visita è importante per il paziente.

Il tempo assume significati diversi e non scorre nello stesso modo, per il medico è inteso in senso cronologico, per il paziente è il tempo vissuto, quello che percorre la sua storia.

Chi era il medico?  

Nel concetto antico, la persona alla quale ci si rivolgeva nel momento della malattia con la speranza di riceverne guarigione.

Chi è il medico oggi?

Oggi si tende a credere che i medici siano coloro ai quali la società affida il compito di preservare e/o ripristinare la salute.

Che cosa è la salute?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità uno “stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non soltanto l’assenza di infermità”.

Gli obiettivi della medicina sono stati storicamente, e lo sono ancora oggi, la sfida alle leggi del tempo, alla realtà biologica dell’invecchiamento e della morte.

Il concetto di salute vede prevalere l’accezione limitativa dell’ “assenza di malattia”.

L’intenso allungamento della vita ha determinato una profonda trasformazione demografica della società.

Nel 1900 i sessantacinquenni (anziani) erano l’1% della popolazione.

Oggi in Italia il dato rilevante, per le importanti implicazioni economiche e socio-sanitarie, è l’incremento dei soggetti oldest old (2.3 milioni) con età superiore agli 80 anni, fragili, in quanto affetti da patologie multiple.

Il progresso tecnologico e scientifico ha determinato un aumento dell’aspettativa di vita consentendo a molti soggetti di raggiungere l’età avanzata in discreto benessere creando tuttavia una nuova categoria di malati, una “sfida” non solo per la classe medica ma anche per l’intero sistema socio-sanitario.

La malattia che forse più di ogni altra esprime in maniera paradigmatica le problematiche legate all’invecchiamento dagli elevati costi socio-assistenziali è la demenza.

Contributo dei determinanti sulla speranza di vita:

Patrimonio genetico  20-30%

Ecosistema  20%

Settore sanitario  10-15%

Fattori socio-economici   40-50%

Ineguaglianza socio-economica crea un’ineguaglianza sanitaria.

In questo contesto la medicina è anche un mito?

“Il mito è una serie coerente di fantasie che gli uomini creano per rassicurare se stessi e placare le proprie paure.”

Da sempre il medico decideva in piena autonomia secondo scienza e coscienza.

Negli ultimi 20-25 anni si è inserito un terzo criterio, l’economicità che ha cambiato le priorità condizionate da parametri scientifico-economici che pongono il medico di fronte a decisioni spesso contrastanti con la propria coscienza facendoli perdere l’aura di rispetto e “sacralità” e la fiducia che decresce in contrasto con l’accresciuta fiducia nella medicina.

Il rapporto tra medici e pazienti è entrato in fibrillazione, si è sfaldato, e le difficoltà attuali non autorizzano una idealizzazione del passato.

Le colpe non sono né dei medici né dei pazienti ma di forze storiche che hanno prodotto traslocazioni del potere in medicina, la metamorfosi del concetto di responsabilità e la trasformazione dei modelli organizzativi della sanità.

L’esercizio della medicina riconosce al medico il potere di curare.

Nel modello tradizionale, chiamato ippocratico, il medico esercita un potere esplicito con il solo affidamento fiduciale, senza complessi di colpa e giustificazioni. Questo modello è stato in vigore in Occidente per venticinque secoli.

Ringraziamo il  Dott. Alberto  Maggialetti Medico Radiologo presso Ricerche Radiologiche s.r.l.  di Molfetta ( Ba )  per il prezioso  contributo

 

Scopri di più

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Gli ultimi articoli

Il risarcimento del danno nell’omicidio stradale

I parenti che hanno diritto ad ottenere il risarcimento del danno per la morte di un familiare che sia stata provocata in un incidente...

Messaggero 14 aprile 2021 parla il Presidente di Adism

Coprifuoco  e città  chiuse: giù gli incidenti  stradali. L'Avvocato Gianluca Sposato, Presidente di Adism, tra i massimi esperti nazionali in infortunistica stradale e risarcimento del...

Da chi farsi assistere quando si ha un incidente stradale?

Da chi farsi assistere quando si ha un incidente stradale? La scelta dell’avvocato è determinante per il danneggiato. Rivolgersi  ad Adism è  sempre la scelta...

Il mancato utilizzo della cintura di sicurezza.

Incidente stradale e mancato utilizzo della cintura sicurezza. E’ stato accertato che nel 50% dei casi  la cintura di sicurezza salva la vita. Le conseguenze...

Incidenti senza contatto, chi paga?

Incidenti senza contatto, chi paga? Quando è possibile essere risarciti negli incidenti causati dal comportamento di altri veicoli, avvenuti senza contatto tra i mezzi. ...
- Advertisement -

Dicono di noi

Risarcito con 395 mila euro senza fare causa

Rubino da Roma risarcito  con  395.000,00 euro. Ringrazio l’Associazione Difesa Infortunati Stradali ed il suo Presidente, avvocato a Roma esperto in incidenti stradali  e consulenza...

Risarcimento ottenuto per un incidente mortale

RISARCIMENTO OTTENUTO PER UN INCIDENTE MORTALE. Caterina da Roma, risarcita con 1.300.000,00 euro "L'accurata valutazione del caso, studiato a fondo dai legali di Adism, ha permesso di...

Grazie all’ADISM ho ottenuto giustizia

GRAZIE ALL'ADISM HO OTTENUTO GIUSTIZIA. Errico da Viterbo, vittima di un incidente stradale risarcito con 143.000,00 euro grazie a un accordo raggiunto  con la compagnia...

Causa vinta grazie all’ADISM

CAUSA VINTA GRAZIE ALL’ADISM. Carlo da Roma, risarcito con 341.000,00 euro in un incidente stradale alla guida della sua moto  con un’autovettura  contromano “Affidarsi  all’Adism  è ...

L’ADISM ha risolto un caso difficile

L’ADISM HA RISOLTO UN CASO DIFFICILE. Gabriele  da Rimini, risarcito  con  76.000,00 euro in un  incidente con veicolo  datosi  alla fuga “Ringrazio l’Adism per avermi dato  supporto ...