Colpa del dentista e danni da estrazioni dentali

0
526

Danni da estrazioni dentali. Come dimostrare la colpa del  dentista?

Di Serena Di Sisto

La questione relativa alla salute dei denti è molto importante. Non è raro incorrere in errori in campo odontoiatrico, con problemi a causa di errata diagnosi e cure erogate  inappropriate, in particolare,  per estrazioni dentali che si potevano evitare.

La paura del dentista

Quando si va dal dentista, è difficile stare tranquilli, nonostante  i progressi  della medicina in questo campo e la professionalità del medico odontoiatra.

E’  consigliabile sempre rivolgersi  ad un professionista specializzato nelle varie branche della medicina odontoiatrica, a seconda del problema che si  deve affrontare: endodonzia per  devitalizzazione del dente e cure canalari, implantologia per impianti dentali, conservativa per otturazioni, intarsi, ponti e restauri dentali,  chirurgia  maxillofacciale per interventi mandibolari ed estrazione dei denti del  giudizio  inclusi, più complicate.

Molte persone soffrono di odontofobia per spiacevoli situazioni che hanno vissuto  e che non dovrebbero  verificarsi, in ogni  caso il dolore causato dal mal di denti, può  essere insopportabile e le cure, seppur necessarie, altrettanto dolorose.

Le estrazioni dentali non necessarie

C’è poi il problema legato alle estrazioni dentali, soprattutto per i denti del giudizio mal posizionati e cariati, che richiedono talvolta interventi maxillofacciali per salvaguardare l’assetto della mandibola.

L’estrazione di un dente, può portare a conseguenze positive, o anche negative, laddove l’operazione poteva essere evitata, con interventi  meno invasivi, salvando la radice del dente.

Di qui  la responsabilità del  dentista che ha eseguito una estrazione dentale che non era dovuta causando un danno in termini di salute, dolore e sofferenza al paziente.

Quando è consigliabile estrarre un dente?

Il dentista consiglia l’estrazione di un dente in caso di patologie orali in stato avanzato o compromettenti per la salute della bocca, degli altri denti in generale, oppure per via dell’assetto dentale.

L’odontoiatra, pertanto, ha il dovere di procede all’estrazione solamente in casi limite, in cui sia necessario procedere al fine di apportare benefici al paziente.

Quando l’estrazione dentale non è indispensabile deve essere evitata.

Il paziente ha il diritto di richiedere le cartelle cliniche al medico curante e deve conservare le fatture delle spese mediche sostenute, per dimostrare i danni arrecati da un trattamento errato, o non giustificabile sul piano professionale e medico.

Risarcimento dei danni causati dal dentista

Il paziente ha diritto al risarcimento del danno odontoiatrico in caso di ripercussioni sulla sua salute valutabili in termini di invalidità permanente, per eventuali danni estetici e per le sofferenze cui è stato sottoposto.

Casi  frequenti possono riguardare infezioni del cavo orale curate male, o peggio ancora, non curate che possono compromettere anche gravemente la salute di un paziente,  estrazione di denti  sani per effettuare un ponte che si poteva evitare con cure meno invasive, cure canalari incomplete con quarto canale non sondato, estrazione dei denti  del  giudizio che hanno compromesso  l’assetto mandibolare  e la masticazione, rigetto osseo  di impianto  dentale.

E’ necessario, quando si ritiene che il dentista abbia erogato  delle cure inappropriate con  danni alla propria salute  rivolgersi ad un medico legale per chiedere un parere in ambito odontoiatrico al fine di tutelare i propri diritti dinanzi la legge ed accertare la responsabilità  del  dentista.

Per questo  bisogna affidarsi a medici legali e ad avvocati  esperti  in responsabilità  medica e materia sanitaria che trattino la responsabilità  odontoiatrica in modo da capire  causa ed entità del  danno, per poi instaurare l’azione di  risarcimento  correttamente.

Il consenso informato in ambito odontoiatrico

Lo specialista ha il dovere, prima di eseguire una estrazione, o un qualsiasi intervento odontoiatrico, di informare circa le caratteristiche ed il trattamento terapeutico, tra cui rientrano i rischi, i costi, le tempistiche ed i risultati attesi. Il medico, quindi, dovrà porre al paziente un contratto ed ottenere una adesione libera e volontaria del paziente sia che operi in struttura pubblica, che sanitaria.

Il paziente deve richiedere le proprie cartelle cliniche e ricevute fiscali  delle spese sostenute al  fine di  dimostrare che i trattamento odontoiatrici sono stati eseguiti presso la struttura e dal professionista cui si è rivolto. Qualora il dentista non risponda alla richiesta di  consegnare le cartelle cliniche e radiografie eseguite sul paziente, si deve contattare l’Ordine dei  medici ed odontoiatri affinché solleciti il relativo adempimento,  cui  il  medico non si può sottrarre.

Avvocati esperti in danno odontoiatrico

Affidarsi ad esperti del settore quando si ha la certezza, o la quasi certezza, di essere stati vittima di malasanità per interventi  posti in essere dal dentista, risulta essenziale.

L’Adism Associazione Infortunati e Malasanità mette a disposizione il migliore avvocato e medico legale esperti per il risarcimento di gravi danni. in campo odontoiatrico

Se hai bisogno di aiuto non esitare a scriverci, Adism è a tua completa disposizione.

Chiama il numero nazionale Legale24h  347.8743614  o  scrivi all’indirizzo di posta elettronica info@adism.it