15.7 C
Rome
martedì, 29 Settembre, 2020

Dati Istat sugli incidenti stradali

I più letti

Cosa fare quando un proprio familiare è deceduto a causa di un episodio di malasanità

Cosa fare quando un proprio familiare è deceduto a causa di un episodio di malasanità Adism, Associazione Infortunati e Malasanità  è stata tra le prime organizzazioni...

Lo stato di bisogno del danneggiato negli incidenti stradali e la provvisionale

Un incidente stradale grave rappresenta un evento traumatico che sconvolge la vita di chi  lo subisce con molteplici ripercussioni non solo sulla salute, ma...

L’importanza del medico legale di parte

L'importanza del medico legale di parte: Nella responsabilità civile l’articolo 2043 del codice civile ha la funzione di norma quadro prevedendo che chiunque procura ad...

A chi rivolgersi quando si verifica un incidente stradale mortale

In Italia in meno di ogni 3 ore una persona muore sulla strada, gli incidenti stradali   rappresentano secondo gli studi e le statistiche dell’Organizzazione...

Dati Istat sugli incidenti stradali.

Per quanto riguarda il 2017, i dati sugli incidenti e le vittime evidenziano come in Italia la media è maggiore rispetto a quella europea di 6 punti. Ecco, in dettaglio, i numeri che emergono dal lavoro dell’Istat.

Gli incidenti stradali con lesioni sono stati 174.933, in leggera diminuzione rispetto al 2016. Tuttavia sono aumentate le vittime: 3378 decessi (calcolando quelli entro 30 giorni dall’incidente), ossia una percentuale di +2,9% rispetto all’anno precedente; 246.750 feriti.
Si ha quindi un tasso di mortalità di 55,8 vittime per milione di abitanti, mentre nel 2016 era di 54,2. Fortunatamente, se si analizzano i dati a partire dal 2010, le vittime sono diminuite del 17,9%.

Nei 28 Stati membri dell’Unione Europea il numero delle vittime è diminuito dell’1,6% ma in modo non uniforme. Se si confronta il tasso di mortalità stradale medio europeo (espresso per milione di abitanti) con quello italiano, si nota che quello europeo  è quasi 6 punti minore rispetto a quello italiano (49,7 contro 55,8).
La Svezia  conta 25,3 vittime per milione di abitanti, il Regno Unito 27,1; nelle ultime due posizioni, la Bulgaria 99,3  e la Romania 96,0. L’Italia è scesa dal 14° posto del 2016 al 18°.

CATEGORIE PIÙ A RISCHIO

Le categorie più colpite nel 2017 sono state i motociclisti, con 735 decessi e un aumento dell’11,9% rispetto al 2016, e i pedoni (600 vittime, +5,3%).

Gli automobilisti deceduti sono stati 1464, in lieve calo rispetto al 2016; anche i ciclisti che hanno perso la vita sono diminuiti (254, -7,6%), così come i conducenti di ciclomotori (92, -20,7%). Il numero di feriti gravi, 17.309, si è mantenuto ostante.
I mesi più pericolosi per quanto riguarda gli incidenti stradali sono giugno e luglio, in prossimità delle vacanze.

STRADE PIÙ PERICOLOSE

Sono, nell’ordine, le autostrade (comprese le tangenziali e i raccordi), le strade extraurbane e  quelle urbane. Nelle vie dei grandi centri abitati si è invece registrata una diminuzione delle vittime del 5,8%.

CAUSE DEGLI INCIDENTI

La causa principale degli incidenti stradali è la distrazione. Seguono il mancato rispetto del segnale di Stop e delle precedenze e l’elevata velocità.
I dati vanno interpretati anche in considerazione del fatto che nel corso del 2017 le prime immatricolazioni di veicoli sono cresciute del 7% rispetto al 2016.

COSTI PER L’ITALIA

La ricaduta economica e sociale degli infortuni subiti dalle persone a causa degli incidenti stradali costa all’Italia 19,3 miliardi di euro, pari all’1,1% del PIL (Prodotto Interno Lordo).

Scopri di più

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Gli ultimi articoli

Cosa fare quando un proprio familiare è deceduto a causa di un episodio di malasanità

Cosa fare quando un proprio familiare è deceduto a causa di un episodio di malasanità Adism, Associazione Infortunati e Malasanità  è stata tra le prime organizzazioni...

Lo stato di bisogno del danneggiato negli incidenti stradali e la provvisionale

Un incidente stradale grave rappresenta un evento traumatico che sconvolge la vita di chi  lo subisce con molteplici ripercussioni non solo sulla salute, ma...

L’importanza del medico legale di parte

L'importanza del medico legale di parte: Nella responsabilità civile l’articolo 2043 del codice civile ha la funzione di norma quadro prevedendo che chiunque procura ad...

A chi rivolgersi quando si verifica un incidente stradale mortale

In Italia in meno di ogni 3 ore una persona muore sulla strada, gli incidenti stradali   rappresentano secondo gli studi e le statistiche dell’Organizzazione...

Campagna informativa Adism sugli incidenti stradali 2020

Campagna informativa Adism sugli incidenti stradali 2020 Adism, Associazione Difesa Infortuni Stradali e Malasanità, da oltre 20 anni è leader nazionale nella gestione dei sinistri...
- Advertisement -

Dicono di noi

Risarcito con 395 mila euro senza fare causa

Rubino da Roma risarcito  con  395.000,00 euro. Ringrazio l’Associazione Difesa Infortunati Stradali ed il suo Presidente, avvocato a Roma esperto in incidenti stradali  e consulenza...

Risarcimento ottenuto per un incidente mortale

RISARCIMENTO OTTENUTO PER UN INCIDENTE MORTALE. Caterina da Roma, risarcita con 1.300.000,00 euro "L'accurata valutazione del caso, studiato a fondo dai legali di Adism, ha permesso di...

Grazie all’ADISM ho ottenuto giustizia

GRAZIE ALL'ADISM HO OTTENUTO GIUSTIZIA. Errico da Viterbo, vittima di un incidente stradale risarcito con 143.000,00 euro grazie a un accordo raggiunto  con la compagnia...

Causa vinta grazie all’ADISM

CAUSA VINTA GRAZIE ALL’ADISM. Carlo da Roma, risarcito con 341.000,00 euro in un incidente stradale alla guida della sua moto  con un’autovettura  contromano “Affidarsi  all’Adism  è ...

L’ADISM ha risolto un caso difficile

L’ADISM HA RISOLTO UN CASO DIFFICILE. Gabriele  da Rimini, risarcito  con  76.000,00 euro in un  incidente con veicolo  datosi  alla fuga “Ringrazio l’Adism per avermi dato  supporto ...