Adism invia proposte al Governo per strade più sicure

0
107

Adism invia proposte al Governo per Strade più  sicure.

Roma, 31 ottobre 2022 –  Con una nota a firma del suo Presidente, l’Avvocato Gianluca Sposato, eletto migliore Avvocato dell’anno nel settore del diritto assicurativo, ADISM ha inviato una nota al Ministro  delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili, Matteo Salvini proponendo interventi volti a sensibilizzare all’educazione stradale per ridurre gli incidenti e la mortalità sulle strade.

PREVENZIONE INCIDENTI E SICUREZZA STRADALE

Sono 38.520.231 i mezzi immatricolati nel nostro Paese, 590 gli incidenti stradali con feriti ogni giorno e 12 i morti.

È angosciante pensare che gli incidenti stradali rappresentino la prima causa di mortalità tra i più giovani e che, fino ad oggi, le Istituzioni abbiano ignorato il problema, senza rendersi parte diligente nel promuovere alcuna campagna di prevenzione ed educazione stradale, né adottare misure idonee a contrastare un fenomeno che sembra inarrestabile.

Limitatori di velocità, scatola nera ed etilometri in auto

Per ridurre la mortalità sulle strade le case automobilistiche potrebbero introdurre la scatola nera e sistemi di limitazione della velocità su mezzi omologati in circolazione ad elevato rischio di sinistrosità; mentre misure definitive devono essere prese nei confronti di soggetti pericolosi alla guida, come l’obbligo dell’alcol test.

Come segnalato da ADISM anche ai precedenti Governi (Prot. USG 12473), ai fini della manutenzione stradale, potrebbe essere utile aumentare la quota prevista dalla lettera b) dell’art. 208 del Codice della Strada inerente i proventi delle sanzioni amministrative in favore di chi effettivamente sia tenuto a garantire la sicurezza nella circolazione stradale, come nella maggior parte dei Paesi europei all’avanguardia.

Monopattino elettrico un mezzo pericoloso in città

L’incentivazione promossa dal precedente Governo all’utilizzo del monopattino elettrico rende necessarie misure di sicurezza straordinarie, quali corsie preferenziali, obbligo assicurativo e divieto di percorrenza su strade ad elevato scorrimento.

Inoltre, poiché l’indennizzo diretto concentra nella stessa persona dell’assicuratore funzioni incompatibili, di garantire allo stesso tempo i diritti del danneggiato-assicurato e dell’assicurazione, sarebbe opportuno valutare di modificare il testo dell’art. 149 del Codice delle Assicurazioni Private, rendendo obbligatoria l’assistenza legale in presenza di lesioni con prognosi pari o superiore a 7  gg.

Devono essere adottate, infine, anche misure straordinarie per contrastare il fenomeno delle truffe a danno delle compagnie assicurative, valutando ruolo e compiti dei patrocinatori stragiudiziali, così come fissati nella UNI 11477, con aggiornamento costante delle banche dati al fine di impedire alla criminalità di lucrare.

Il problema della manutenzione ed illuminazione stradale 

Per quanto concerne la manutenzione stradale, i lavori dovrebbero essere affidati a ditte specializzate in grado di garantire la tenuta del manto, prestando idonee garanzie; gli attraversamenti pedonali dovrebbero garantire maggior sicurezza al pedone, con insegne fluorescenti e, ove necessario, impianto semaforico, così come i marciapiedi nei punti più pericolosi essere muniti di transenne pedonali.

Vi è poi il problema che concentra eccessivo lavoro sui reparti di infortunistica della Polizia Municipale, dell’impiego delle risorse destinate alle Regioni dal gettito del “bollo auto”, dei parcheggiatori abusivi, la cui attività andrebbe regolamentata con ausiliari del traffico e ancora tanto altro.

Denunciare, se non si interviene, non serve a niente, per questo Adism auspica,  per il tramite dei  suoi rappresentanti,  di poter prender parte alle iniziative che il Governo intenda promuovere per ridurre la incidentalità e mortalità sulle strade, a livello tecnico e normativo, sensibilizzando all’educazione stradale in modo da tutelare maggiormente  gli utenti  stradali.

Scarica qui sotto la nota inviata da Adism al Ministro Salvini

Ministro Salvini _Adism