domenica, Ottobre 24, 2021

ADISM CHIEDE MISURE STRAORDINARIE AL  GOVERNO PER LA SICUREZZA STRADALE

I più letti

AUMENTANO  GLI INCIDENTI STRADALI GRAVI  ED I MORTI  SULLE STRADE NEL PRIMO SEMESTRE DEL  2020.

Con una nota a firma del  Presidente Avvocato Gianluca Sposato,  su iniziativa del Consiglio Direttivo nazionale, l’Associazione Difesa Infortunati Stradali ha chiesto  al  Governo  nella persona del Presidente del Consiglio  dei Ministri, interventi volti a garantire l’incolumità  degli utenti stradali,  con  misure atte a prevenire gli incidenti,  ridurre ed eliminare la mortalità e tutelare i  diritti degli infortunati stradali.

Secondo i dati elaborati dalla polizia stradale nei primi sei mesi del 2020 in Italia ci sono stati 20.034 incidenti stradali con 11.706 persone ferite e 478 vittime.

Tutto questo malgrado i 69 giorni di lock down in cui il Paese è rimasto praticamente deserto. Eppure  anche in quell’interminabile periodo, le forze dell’Ordine hanno dovuto stendere per terra quasi 250 lenzuoli bianchi e oltre 4.000 persone hanno riportato ferite.

Nell’unico periodo dell’anno realmente confrontabile con il 2019, ovvero i primi due mesi di quest’anno, si sono  registrati  in generale meno incidenti (-4,5%), ma con incremento di quelli più gravi dove si è registrata almeno una vittima (+3%).

Da capodanno al 29 febbraio 2020 sono deceduti sulle strade 229 persone (+5,5%) e ci sono stati più feriti (+4,6%).

Dati che fanno rabbrividire anche perché, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, proprio gli incidenti stradali nella fascia d’età che va dai 5 e i 29 anni sono la prima causa di morte: più dei tumori, dell’alcol o della droga.

Per questo Adism ha sollecitato misure straordinarie al Governo con una serie di proposte elaborate dal Consiglio Direttivo di  seguito  elencate:

– Limitatori di velocità su tutti i mezzi in circolazione, sia su tratti urbani che extraurbani per ridurre la mortalità sulle strade.

– Aumento la quota prevista dalla lettera b) dell’art. 208 del Codice della Strada riguardante i proventi delle sanzioni amministrative da destinare alla manutenzione stradale.

– Misure di sicurezza straordinarie per biciclette e monopattini, con corsie preferenziali, obbligo assicurativo e divieto di percorrenza di strade ad elevato scorrimento e percorse da mezzi pesanti.

– Modifica dell’art. 149 del Codice delle Assicurazioni Private e obbligo di assistenza di un avvocato in presenza di lesioni per riequilibrare le sorti in favore dell’assicurato non potendo l’indennizzo diretto concentrare nella stessa persona dell’assicuratore funzioni concorrenti.

– Installazione della scatola nera su tutti i mezzi omologati e divieto di gestione delle pratiche risarcitorie presso le carrozzerie per contrastare il fenomeno delle truffe a danno delle compagnie assicurative.

Leggi  la nota inviata al Premier Conte PDF

Scopri di più

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Gli ultimi articoli

- Advertisement -spot_img

Dicono di noi